top of page
  • Immagine del redattoreAvv. Luigi Delle Cave - Pomigliano d'Arco

Se la compravendita viene risolta, è il venditore tenuto a restituire le somme alla banca mutuante

Nell'ipotesi di contratto di mutuo in cui sia previsto lo scopo del reimpiego della somma mutuata per l'acquisto di un determinato bene, il collegamento negoziale tra gli anzidetti contratti, per cui il mutuatario è obbligato all'utilizzazione della somma mutuata per la prevista acquisizione, comporta che della somma concessa in mutuo beneficia il venditore del bene, con la conseguenza che la risoluzione della compravendita del bene, che importa il venir meno dello stesso scopo del contratto di mutuo, legittima il mutuante a richiedere la restituzione della somma mutuata non al mutuatario, ma direttamente ed esclusivamente al venditore (Cass., nn. 7773/2003, 5966/2001, 7118/1998, sez. un. 474/1994, citate nella sentenza impugnata).

Ciò in quanto - va soggiunto - il collegamento tra più contratti tra loro interdipendenti per il raggiungimento di un fine ulteriore che supera i singoli effetti tipici di ciascun atto collegato, dà luogo ad un unico regolamento di interessi, che assume una propria, diversa rilevanza causale (cfr., ex plurimis, Cass., n. 9447/2007) in relazione alla sintesi degli interessi (cd. causa concreta) che lo stesso è concretamente diretto a realizzare (Cass., n. 10490/2006).

Nel caso nella specie esaminato, essendo incontestato che il contratto di compravendita si fosse risolto, il finanziatore avrebbe potuto chiedere la restituzione della somma mutuata solo al venditore.


Cfr. Cassazione civile sez. III - 16/02/2010, n. 3589


Contattaci per una consulenza


Avv. Luigi Delle Cave

Via Roma, 3 Brusciano (Napoli)

Contattaci per una consulenza:

Tel. 338.9117705

E-mail:

studiolegaledellecave@gmail.com

Post correlati

Mostra tutti

Kommentarer


bottom of page